Search

You may also like

laughingangry
Adele: cinque curiosità sulla trionfatrice dei Grammy Awards
Geek LOL

Adele: cinque curiosità sulla trionfatrice dei Grammy Awards

Adele ha trionfato nell’ultima edizione dei Grammy Awards, portandosi a

love
Chi è Chung: il coreano che ha conquistato il tennis
Geek LOL

Chi è Chung: il coreano che ha conquistato il tennis

Ha sconvolto il mondo del tennis, con un cognome che

laughingcrying
David Guetta: quattro chicche sul riservato re di Spotify
Geek LOL

David Guetta: quattro chicche sul riservato re di Spotify

David Guetta è il re indiscusso di Spotify. Il dj

cryinggeek

Mark Zuckerberg e altri otto daltonici famosi ancora in vita

Mark Zuckerberg e altri otto daltonici famosi ancora in vita

Mark Zuckerberg è universalmente conosciuto come il fondatore di Facebook. Su di lui è stato girato anche un film, “The social Network”. Una curiosa notizia su di lui, è stata data sette anni fa dalla Cnn. Vi siete mai chiesti perchè il colore dominante di Facebook è il blu? Semplice: Zuckerberg è daltonico e fa in particolare fatica a distinguere il rosso e il verde. Il blu, era quindi, l’unico colore che distingueva chiaramente.
Il daltonismo è una inabilità a percepire i colori ed è un difetto di natura prevalentemente genetica. Il termine nasce dal chimico John Dalton che per primo studiò il caso nel libro 
“Extraordinary facts relating to the vision of colours”, dopo che si rese conto della propria cecità cromatica.
Non c’è, però, solo Zukerberg nell’elenco dei daltonici famosi. Senza fare salti temporali troppo grandi, ecco altri otto daltonici famosi ancora in vita.  Per questo escluderemo, ad esempio,
 Paul Newman. Avreste mai detto che il “divo dagli occhi blu” non potesse vedere i suoi stessi occhi? 

Keanu Reeves

Il cinquantatreenne attore canadese, recentemente visto al Festival di sanremo, non ha mai nascosto il suo difetto visivo.  Tra i suoi personaggi più famosi vi è senza dubbio Neo, il protagonista della trilogia di Matrix. E’ nella Walk of fame di Hollywood, ma non ha mai vinto un premio Oscar.

Eddie Redmayne

L’attore, premio Oscar per “La teoria del tutto”, ha ammesso di essere daltonico e di avere problemi nella scelta degli abbinamenti dei colori. Questo è un fatto sorprendente se si pensa che Eddie è anche un’icona di stile e i suoi abiti sono sempre impeccabili. Una grossa mano in questo senso gliela dà la moglie Hannah, che è anche la sua addetta stampa.

William d’Inghilterra

L’erede al trono d’Inghilterra ha ammesso pubblicamente di esser daltonico, dopo che, per anni, dalla Casa Reale non era arrivata nessuna conferma a riguardo. Sembra che il suo problema gli abbia creato più di un problema nella sua carriera di pilota, dato che aveva difficoltà nella fase di atterraggio.

Bill Clinton

Curioso il modo in cui si capì che Clinton era daltonico. Fu durante le elezioni presidenziali del 1996. Clinton lottava contro il repubblicano Bob Dole per essere rieletto. In una campagna elettorale fatta a colpi di cartelle mediche, Dole (23 anni più di Clinton) dichiarò di essere perfettamente in salute, ma di essere daltonico. Durante i dibattiti tra i due rivali, tutti notarono che entrambi avevano problemi nel distinguere il rosso dal verde (cosa comune nei daltonici). Quindi, se Dole era daltonico, lo doveva essere pure Clinton!  

Howie Mandel

Il giudice di “American’s got talent” ha ammesso senza problemi il suo daltonismo. In un’intervista ha dichiarato ironicamente: “Sono daltonico, così quanto faccio una scelta si può dire che sono in contrasto.”  In un’altra intervista ha dichiarato che sua moglie vuole il suo parere su ogni cosa, comprese le decorazioni della casa, ma lui risponde sempre: “Il colore è in contrasto”. 

Cristopher Nolan

Il regista de “Il cavaliere oscuro”  ha un problema di daltonismo. Non riconosce, infatti, il rosso dal verde. Questa è una forma di daltonismo comune, e, per questo, meno penalizzante di altre. Infatti, al di là di queste due gradazioni, gli altri sono percepiti in modo corretto. Ecco spiegato come Nolan possa svolgere il ruolo di regista, dove l’aspetto visivo è fondamentale. 

Rutger Hauer

Un carriera spezzata non vuol dire una vita spezzata. Lo sa bene Rutger Hauer. Il suo daltonismo lo costrinse, infatti, a rinunciare ad una carriera da velista. Poco male perchè, proprio a causa di quella rinuncia, ha intrapreso la carriera di attore che lo ha spinto a recitare in molti fil di successo, tra cui “Batman Begins” dell’altro daltonico, Cristopher Nolan.

Amadeus

Venendo a casa nostra, Amadeus, nel 2007, presentando 1 contro 100, l’ha dichiarato di essere daltonico. Tre anni dopo, in un’intervista ad “Ok Salute” ha parlato ironicamente della sua malattia: Un paio di volte sono stato lì lì per comprare al mio piccolo José (suo figlio, ndr) camicie rosa».

 

ASSIVIP MAG  Selena Gomez: il mondo della regina di Instagram
Next post Previous post

Your reaction to this post?

  • LOL

    0

  • Money

    0

  • Cool

    0

  • Fail

    0

  • Cry

    0

  • Geek

    0

  • Angry

    0

  • WTF

    0

  • Crazy

    0

  • Love

    0

You may also like

cryingstar
Bill Gates: cinque cose che non sai del genio informatico per antonomasia
Money

Bill Gates: cinque cose che non sai del genio informatico per antonomasia

  Forbes ogni anno pubblica le annuali classifiche sugli uomini

laughingcrying
David Guetta: quattro chicche sul riservato re di Spotify
Geek

David Guetta: quattro chicche sul riservato re di Spotify

David Guetta è il re indiscusso di Spotify. Il dj

crying
Gabriele Benedetti: l’osteopata più famoso al mondo grazie a Youtube
Geek

Gabriele Benedetti: l’osteopata più famoso al mondo grazie a Youtube

Il nome “Gabriele Benedetti” su google genera 502.000 ricerche. La

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *